La vera Sfida è Motivare. - Igorighe - Igor Castiglia

Vai ai contenuti

Menu principale:

La vera Sfida è Motivare.

Igor Castiglia
Pubblicato da in Fitness ·
Se si analizza il modo con cui da Trainer ci si approccia alla propria formazione e aggiornamento, i contenuti che si studiano, l’attenzione che viene posta nei dettagli di una metodologia di allenamento piuttosto che di un’altra, la continua discussione aperta sulla tecnica di esecuzione degli esercizi e sulla trasformazione che se ne può avere nel gesto o nella performance, la fotografia che viene fuori di chi usufruisce dei propri servizi è quella di un atleta già allenato e motivato pronto ad eseguire con costanza e dedizione quanto proposto, raggiungendo uno dopo l’altro tutti i traguardi posti.

Purtroppo per la maggior parte di chi fa questo lavoro la quotidianità è ben diversa, la maggior parte dei propri clienti o potenziali tali manca di tecnica, di motivazione e sovente anche di tutta una serie di traguardi misurabili, se non per molti il proprio peso sulla bilancia.

La costante ricerca di un nuovo mezzo per sentirsi, ed il più delle volte vedersi più in forma dei nostri clienti passa dalla fretta con cui loro vorrebbero percepire gli effetti di quanto si è iniziato a praticare, allenamento o dieta che sia, e per molti i miglioramenti della propria tecnica di esecuzione di un movimento piuttosto che il raggiungimento di qualche grado di mobilità in più non vengono vissuti come veri traguardi, non sono sufficienti ad offrire quell’emozione che li può portare a proseguire quanto intrapreso.

Quale può essere quindi l’ingrediente principale per il raggiungimento di un obiettivo definito con un personal trainer? Cosa potremmo offrire ai nostri clienti che potrebbe rendere il nostro lavoro più gratificante ed il loro traguardo più sicuro di essere raggiunto?

Senza ombra di dubbio LA MOTIVAZIONE,  e la conseguente costanza che ne deriva.

Ma bastano tutte le frasi ad effetto di cui oramai è strapieno l’etere per riuscire a motivare chi si allena con noi? E’ realmente sufficiente o sarebbe forse più di supporto e aiuto avere degli strumenti per riuscire ad offrire l’esperienza motivante del raggiungere i piccoli traguardi come se non fossero tali ma vere e proprie vittorie con la V maiuscola?

Fit Challenge è proprio questo, uno strumento che permette di portare persone con livelli di allenamento e motivazioni differenti ad accettare una gara con se stessi, tutti assieme ed allo stesso tempo o anche individualmente, il tutto in assoluta sicurezza e senza dover insegnare una tecnica specifica propria di una attività che richiede abilità nell’esecuzione di un gesto.



Nata per essere divulgata e proposta nell’ambito delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche, questa competizione porta con se tutta una serie di vantaggi a livelli differenti, per chi la organizza, per chi la propone e gestisce, e per chi ne prende parte.

Grazie ad un protocollo di gara, che con 6 prove differenti prende in considerazione tutti gli aspetti dell’allenamento fitness, riesce a dare a tutti la possibilità di trovare la propria specialità, godendo quindi dei propri punti di forza, scoprire i  propri punti deboli e capire l’importanza del lavorare di più su di essi per migliorarli, il tutto senza dover superare l’ostacolo tipico di una competizione, l’essere allenati e performanti come degli atleti.

Sono i piccoli traguardi vinti con costanza che portano a grandi risultati, riuscire a porsi degli obiettivi misurabili ed allenarsi per raggiungerli è, come scritto prima, l’ingrediente essenziale della “pozione magica” che tutti vorrebbero trovare.

Oggi con Fit Challenge si ha un valido strumento in più per  riuscire a motivare e mantenere motivato chi ha deciso di praticare un’attività fitness per un motivo o per un altro.

Per chi svolge la professione di Trainer, un mezzo per promuovere i propri servizi e/o quelli del centro in cui opera, organizzando giornate in cui si possa far vivere, sia in prima persona che da spettatori, l’emozione di una gara e la gioia di aver vinto la propria sfida.




Nessun commento

Torna ai contenuti | Torna al menu